Top
Langhe, Monferrato e Roero in bici!

Langhe, Monferrato e Roero in bici!

 

Percorrere la zona del Langhe, Monferrato e Roero in bici da corsa è una vera e propria delizia per i sensi. Infatti, pedalando quattro giorni in queste zone piemontesi mi ha fatto ammirare paesaggi spettacolari e assaggiare prodotti gastronomici eccezionali. Per queste quattro magnifiche giornate di bici nelle Langhe, Monferrato e Roero ho fatto base a Montà, presso il bike Hotel Belvedere: consigliatissimo!

Montà è anche base di vari sentieri escursionistici, come quello del lupo e quello che porta al Santuario dei Piloni.

 

 Langhe, Monferrato e Roero in bici da corsa: il Roero

Il primo giro che descrivo è appunto quello del Roero. Partendo da Montà sono sceso verso Canale e, in seguito, risalito verso Castellinaldo. Una seconda salita mi ha portato a Magliano Alfieri, che vanta un castello del XVII secolo e un punto panoramico eccezionale che permette di ammirare le colline piemontesi e le Alpi, tra cui spicca il Monviso.

Una terza salita porta ad un altro castello, quello di Guarene, risalente al XVIII secolo. Anche Guarene offre un punto panoramico meraviglioso! Vari saliscendi, che attraversano splendidi vigneti, mi hanno portato a Santa Vittoria d’Alba e, in seguito, a Sommariva Perno, dove vi è un ulteriore castello. Monteu Roero è stata la penultima cittadina: anche qui vi è un castello!

Tornato a Canale ho affrontato la salita finale che mi ha permesso di tornare a Montà, completando un giro di 95 chilometri e 1.400 metri di dislivello: il Roero in bici è molto esigente ma regala panorami spettacolari!

 

 Langhe, Monferrato e Roero in bici da corsa: le Langhe

Le Langhe in bici sono una vera e propria meraviglia! Sono partito da La Morra: la sua posizione in cima alla collina mi ha fatto capire che avrei dovuto affrontare varie salite nella giornata di oggi. Il mio amico Marco mi ha accompagnato in questa pedalata nelle Langhe che ci ha regalato grandi soddisfazioni!

Da La Morra siamo scesi fino a Barolo, attraversando una quantità di vigneti impressionante: la bellezza di questi vigneti ci ha accompagnato per tutta la tappa (ecco un video!)

Strade strette, paradisiache per i ciclisti, ci hanno portato prima a Monforte e poi a Dogliani, da dove è iniziata una bella salita di circa nove chilometri che ci ha portati a Serravalle Langhe: uno strappo di 300 metri al 15% alla fine ci ha messo in difficoltà! Il paese successivo che abbiamo incontrato è stato Serralunga d’Alba: qui vi è un castello e un panorama sensazionale sulle Langhe, ed ecco un video!

Da castello a castello: a Grinzane Cavour ci siamo fermati a visitare il castello medievale, uno dei primi della famiglia Savoia. Grinzane Cavour prende il nome da Camillo Cavour, che fu sindaco di questa cittadina negli anni ’30 del 1800. Una salita molto (ma molto!) ripida ci ha riportato a La Morra, dopo aver completato 72 chilometri, arricchiti da 1.500 metri di dislivello.

 

 Langhe, Monferrato e Roero in bici da corsa: il Monferrato

Il Monferrato in bici fa sembrare un lontano ricordo le strade trafficate che spesso troviamo in Italia. Infatti, lungo i 45 chilometri e 700 metri di dislivello di questa tappa ho pedalato per strette strade di campagna, che sono un vero e proprio paradiso per i ciclisti.

A differenza delle altre tre tappe, il Monferrato in bici non vanta pendenze folli. Tutte le salite affrontate non sono ripide. Percorrendo questo itinerario nel Monferrato ho potuto ammirare cittadine storiche come Grana, Montemagno e Castagnole. I vigneti sono protagonisti anche in questa tappa, che inizia e finisce a Moncalvo: l’ultima salita è stata la più difficile di giornata, ma è comunque pedalabile.

Moncalvo, oltre a essere un magnifico borgo, ospita nelle ultime due domeniche di ottobre la sagra del tartufo (ecco il calendario delle fiere piemontesi del tartufo): è possibile comprare varie leccornie negli stand!

 

 Langhe, Monferrato e Roero in bici da corsa: l’astigiano

L’ultima tappa del Langhe, Monferrato e Roero in bici è dedicata alla zona dell’astigiano. L’altimetria di questa tappa mi ha lasciato a bocca aperta: in soli 42 chilometri ho affrontato 1.150 metri di dislivello, rendendo questa tappa dell’astigiano molto dura!

Questa tappa ha ricordato la sesta tappa del Giro d’Italia femminile 2023, vinta da Van Vleuten. Nei primi dieci chilometri ben due salite mi hanno portato a Calosso, piccolo paese di mille abitanti caratterizzato da un castello medievale.

Strade strette e vigneti sono state il fattore comune dei saliscendi che mi hanno portato a Santo Stefano Balbo, città natale di Cesare Pavese. Da Santo Stefano una salita di sei chilometri mi ha portato in cima al Falchetto, dove un ceppo ricorda cinque partigiani uccisi nel giugno 1944.

Una bella discesa panoramica mi ha riportato, esausto e soddisfatto, a Canelli!

 

POTREBBERO INTERESSARTI ….

Il lago di Serre – Poncon!

Les gorges du Verdon in bici!

La Loira in bici!

I grandi passi tra Italia e Francia!

 

INFORMAZIONI UTILI SULLE LANGHE, MONFERRATO E ROERO IN BICI

 

  • Il Langhe, Monferrato e Roero in bici dà grandi soddisfazioni, ma allo stesso tempo è decisamente sfidante: ho pedalato circa 260 chilometri in quattro giorni, affrontando quasi 5.000 metri di dislivello! Il poco traffico rende spettacolari questi quattro itinerari!

 

 

  • Montà è stato un posto eccellente per dormire. Ho mangiato molto bene all’albergo Belvedere e anche ad Hazzard, un bel pub con cucina. Nei pressi di Montà ho effettuato una visita all’Azienda Agricola di Bordone Giuseppe: ho assaggiato un vino bianco (Roero Arnesi) strepitoso! A pochi chilometri da La Morra ho mangiato un’ottima pizza a Re Artù.

 

  • A Canelli consiglio senza dubbi l’osteria dei meravigliati: cucina piemontese eccellente in una location spettacolare.

 

  • La stessa cosa vale per Cascina Spinerola a Moncalvo: ho fatto una degustazione di salami eccellente!

 

  • A La Morra consiglio Vineria Sociale e Mangè. Lascio qui sotto una mappa con vari posti dove mangiare e bere.

 

  • Il Langhe, Monferrato e Roero in bici dà, a mio avviso, il meglio di sé nella stagione autunnale. Ottobre e novembre, infatti, sono mesi fantastici per conoscere queste zone in quanto i vigneti si tingono di giallo e rosso.

 

  • Mi sono spostato con l’automobile, rendendo le cose molte più semplici. Con i mezzi la soluzione più comoda è fare base ad Asti e spostarsi con i bus a Canelli, Moncalvo e Canale.

 

  • Il Langhe, Monferrato e Roero in bici è stata una gran bella scoperta! Le dure salite e i meravigliosi panorami mi hanno dato grande soddisfazione! Tra le quattro tappe, le mie preferite sono state quelle del Roero e delle Langhe, mentre la più difficile è stata quella dell’astigiano. Tutti questi giri sono facilmente fattibili in bici da corsa in quanto le strade sono asfaltate.

 

 

1

Andrea, un viaggiatore da lungo tempo con una grande passione per trekking, bici e diving! Su travelsbeer.com potrete trovare tutte le informazioni e gli itinerari di viaggio scritti da Andrea: cinque continenti e tante vette conquistate intorno al mondo!

post a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.