Top
La Loira in bici: inizio perfetto per il cicloturismo!

La Loira in bici: inizio perfetto per il cicloturismo!

 

La Loira in bici è un viaggio indimenticabile! Infatti, la Loira è uno dei luoghi migliori per iniziare con il cicloturismo: poche salite, tante piste ciclabili, molte cittadine dove dormire e mangiare…e ovviamente i castelli della Loira!

In questo post descrivo un itinerario che permette di fare un viaggio in bici sulla Loira. Il punto di partenza è Blois, città facilmente raggiungibile da Parigi in treno (circa due ore). L’arrivo, invece, è ad Angers: da qui si può ritornare facilmente a Parigi in treno (circa due ore e mezzo).

In questo post descrivo l’itinerario ciclistico sulla Loira: se siete interessati ad un approfondimento sui castelli vi consiglio di leggere questo mio post, dove descrivo i nove castelli che ho visitato.

Ecco, dunque, il mio itinerario in bici sulla Loira.

 

  La Loira in bici: un giorno a Blois, visitando Chambord

Il primo giorno è dedicato al castello di Chambord, il più grande di tutta la Loira. La partenza è da Blois: è una città con un centro storico curato e con un castello che merita una visita!

Appena uscito da Blois ho trovato la pista ciclabile della Loira. Dopo circa nove chilometri ho potuto apprezzare il castello di Menars, che si trova sulla sponda opposta della Loira. Al sedicesimo chilometro sono passato per la piccola cittadina di Saint-Dye-Sur-Loire. Qui arrivavano gli enormi pezzi di marmo: i poveri lavoratori dovevano trascinarli fino a Chambord, che all’epoca era zona di malaria.

Una volta arrivato a Chambord ho dedicato circa tre ore alla visita dell’immenso castello reale: le scalinate, le guglie sui tetti ed il giardino sono uno spettacolo indimenticabile.

Sono tornato a Blois seguendo la stessa ciclabile dell’andata: la prima tappa è lunga 44 chilometri con un dislivello di 150 metri (qui vi è la traccia Komoot).

 

  La Loira in bici: da Blois ad Amboise

Il secondo giorno di bici sulla Loira è dedicato a due altri piccoli fiumi: il Beuvron e il Cher.

Infatti, poco dopo aver lasciato Blois ho lasciato la Loira per andare verso l’interno, arrivando nel piccolo e caratteristico villaggio di Cande-sur-Beuvron. Ho dunque seguito questo piccolo fiume fino alla sua immissione nella Loira. A Chaumont ho lasciato l’itinerario ciclistico della Loira per seguire quello che porta a Chenonceau. Il tratto da Chaumont a Vallieres non è ciclabile, ma il traffico è sempre ridotto ai minimi termini: pedalare qui è sempre un piacere!

Da Vallieres vi sono circa 12 chilometri vallonati fino al fiume Cher: questo è un paradiso per gli amanti del kayak e per gli amanti della storia! Infatti, il castello di Chenonceau è uno dei più belli di tutta la Loira: ben tre dame reali ci hanno vissuto, amando questo castello, sopravvissuto sia ai moti della Rivoluzione Francese sia alla dominazione nazista.

Da Chenonceau 13 chilometri di strade provinciali mi hanno portato ad Amboise, la cittadina dove Leonardo da Vinci morì: qui sono visitabili i castelli di Amboise e di Clos Luce. La seconda tappa è stata lunga 58 chilometri, con un dislivello di 280 metri (traccia Komoot).

 

  La Loira in bici: da Amboise a Villandry

Il terzo giorno è contraddistinto dalla visita della città di Tours, raggiunta dopo 27 chilometri.

Questa città non è, a mio avviso, bellissima, ma ospita una delle cattedrali gotiche più belle al mondo. Vale decisamente la pena visitare la cattedrale, il cui ingresso è gratuito.

Oltre a Tours, il punto più interessante della giornata è stato Savonnieres: qui è possibile ammirare una piccola cittadina e fare un bagno nelle acque del fiume Cher. Questo è un luogo molto apprezzato dai francesi: nelle buvettes (chioschi) è possibile trovare molti turisti rilassarsi lungo le sponde del fiume.

Ho completato la terza tappa (48 chilometri, 200 metri di dislivello) a Villandry: questa piccola cittadina ospita il castello della Loira che vanta il giardino più bello.

 

  La Loira in bici: da Villandry a Saumur

Poco dopo Villandry il fiume Cher entra nella Loira, che ritorna la grande protagonista della giornata ciclistica. Una bella pista ciclabile porta fino ad Ussè: questo castello è famoso in quanto Perrault ha preso spunto da questa dimora per la sua ‘La bella addormentata nel bosco’.

Presso Avoine si lascia la Loira per prendere una strada che porta fino al fiume Vienne. Questo secondo fiume entra nella Loira presso Candes-Saint-Martin, dove vi è una bellissima chiesa romanica.

Poco dopo Candes-Saint-Martin vi è Montsoreau: è possibile fermarsi in una delle tante enoteche per fare una degustazione del tipico vino della Loira.

Gli ultimi 13 chilometri che portano a Saumur sono fantastici. Sono passato per strade molto strette che affiancano vari siti preistorici: è stato un vero e proprio piacere passare per queste strade!

A Saumur, raggiunta dopo 63 chilometri e 150 metri di dislivello, vi è un ulteriore castello: la vista al tramonto dal castello sulla Loira è sensazionale!

 

  La Loira in bici: da Saumur ad Angers

L’ultima tappa collega Saumur con Angers. I primi chilometri sono tutti di fianco alla Loira: a Cunault vi è una bellissima chiesa romanica. In seguito, la strada che porta da Gennes a Saint-Mathurin è, ancora una volta, molto bella: alcuni piccoli villaggi sulla Loira sono semplicemente meravigliosi!

Per entrare ad Angers sono passato per il Parc des Ardoisiers: questo parco è molto amato dai locali ed è stato ricavato da una vecchia cava.

Anche Angers ospita un castello, che reputo molto bello: l’arazzo medievale raffigurante l’Apocalisse lascia a bocca aperta per la sua bellezza e per la sua maestosità!

Il tour della Loira in bicicletta è dunque completato con l’ultima tappa, lunga 55 chilometri e con un dislivello di 250 metri.

 

OLTRE ALLA LOIRA IN BICI POTREBBERO INTERESSARTI ….

 

Il lago di Serre-Poncon!

Le Gorges du Verdon!

 

INFORMAZIONI UTILI SULLA LOIRA IN BICI

 

  • Il tour descritto della Loira in bicicletta è lungo 270 chilometri con 900 metri di dislivello. Lo definirei statisticamente pianeggiante.

 

  • Gran parte del percorso della Loira in bici è su piste ciclabili. Questo percorso è adatto a tutta la famiglia: ho, infatti, trovato moltissime famiglie in bici nei vari tratti del percorso. In particolare, il progetto ‘Loire à velo’ sta avendo molto successo: non vi sono solo piste ciclabili ma anche hotel e ristoranti dedicati al mondo delle due ruote.

 

  • Per pedalare sulla Loira consiglio i mesi che vanno da aprile ad ottobre. D’estate, però, le temperature possono toccare i 35 gradi ed i castelli possono essere decisamente affollati. Alcuni di questi, come quello di Chenonceau, necessitano prenotazione.

 

  • Non mancano le cittadine dove dormire, mangiare e bere. I luoghi migliori per dormire nella Loira sono Blois, Amboise, Saumur e Angers. Qui sotto lascio una mappa con i posti migliori dove mangiare, dormire e bere qualcosa. In particolare, per bere consiglio Food&Brew a Blois, Art is an Ale Brewing ad Amboise, Pub le Saint Pierre a Saumur; per mangiare consiglio Poivre et Sel a Blois, le Lion d’Or ad Amboise, la Ferme ad Angers; per dormire spicca Hotel Anne de Bretagne a Blois.

 

  • Non mancano nemmeno i negozi di ciclismo. A Blois, presso Detours de Loirs, è possibile noleggiare delle biciclette, anche elettriche.

 

  • Questo viaggio in bici sulla Loira merita tantissimo: se non sai come approcciarti al cicloturismo ti consiglio di iniziare da qui!
4

Andrea, un viaggiatore da lungo tempo con una grande passione per trekking, bici e diving! Su travelsbeer.com potrete trovare tutte le informazioni e gli itinerari di viaggio scritti da Andrea: cinque continenti e tante vette conquistate intorno al mondo!

post a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.