Top
Cosa vedere a Tromso, Grande Nord norvegese!

Cosa vedere a Tromso, Grande Nord norvegese!

 

Cosa vedere a Tromso, una delle città più alte per latitudine d’Europa? Innanzitutto, la geografia di Tromso è veramente particolare. Si trova a 70°N, quindi ben tre gradi sopra il circolo polare artico, a soli mille chilometri di distanza da Capo Nord. Nonostante la latitudine elevata, Tromso è popolata da circa 70mila abitanti e merita assolutamente una visita!

Ho visitato Tromso sia a settembre sia a gennaio. Devo ammettere che visitare Tromso a gennaio, con una temperatura di circa meno quindici gradi, è stata un’esperienza forte e indimenticabile! Inoltre, avendo scelto di dormire fuori città ho avuto la possibilità di vedere l’aurora boreale tutte e due le notti!

 

 Cosa vedere a Tromso: la funicolare 

L’elenco di cosa vedere a Tromso inizia sicuramente dalla sua funicolare, situata a circa tre chilometri dal centro della città. La funicolare permette di raggiungere i 420 metri del monte Storsteinen: è possibile prenotare il biglietto online (il costo è di circa 35 euro, bisogna specificare un orario che però non è da rispettare obbligatoriamente). La funicolare di Tromso permette di apprezzare la città e il suo fiordo dall’alto. Vi è anche la possibilità di fare una camminata di circa un’ora che porta ad un punto panoramico ancora più spettacolare.

Ecco un video che dimostra la bellezza del panorama nella stagione invernale!

In cima alla funicolare di Tromso vi è un ristorante dove è possibile mangiare qualcosa. L’autobus 26 e lo shuttle Fjellheisen collegano la base della cattedrale con il centro di Tromso.

 

 Cosa vedere a Tromso: la Cattedrale dell’Artico

A poca distanza dalla funicolare, quindi a due chilometri dal centro della città, è possibile ammirare la cosiddetta Cattedrale dell’Artico. Questa chiesa, costruita nel 1965, ricorda i ghiacciai artici. L’ingresso è a pagamento (circa 8 euro). Non ho reputato interessante l’entrata, ma merita comunque una visita per la sua facciata, decisamente particolare. Infatti, la chiesa è caratterizzata da una grande vetrata a mosaico che raffigura la mano di Dio, da cui escono tre raggi di luce.

Per arrivare alla cattedrale si piò camminare per circa 30 minuti oppure prendere gli autobus 20, 24, 26 o 28.

 

 Cosa vedere a Tromso: il centro e i musei

Il centro di Tromso è caratterizzato da un’isola pedonale, situata nei pressi della Domkirke, una delle chiese in legno più grandi della Norvegia. Presso il bar Rorbua vi è una splendida vista sul fiordo, sulla Cattedrale dell’Artico e sulla funicolare di Tromso. A Tromso, inoltre, vi è il Polarmuseet, museo dedicato alle esplorazioni artiche, soprattutto a quella di Amundsen. Tra le altre attività da fare a Tromso spiccano la visita all’acquario Polaria (dove è anche possibile vedere un video che spiega la ritirata dei ghiacci) e il museo dell’Università, dedicato alle tradizioni locali.

Personalmente, in una visita di una giornata a Tromso ho sempre escluso tutti i musei, lasciando spazio alla camminata nel centro città, che è molto gradevole. Questa mia scelta è anche dovuta a un mero motivo di prezzo: ogni ingresso costa dieci euro, e a mio avviso è giusto spendere il budget per i 35 euro della funicolare.

 

 Cosa vedere a Tromso: escursioni

Eccoci arrivati alla parte più interessante di Tromso: le escursioni! Tromso è il posto perfetto per visitare il Grande Nord. L’escursione più bella a mio avviso è quella che permette di conoscere l’isola Kvaloja: è possibile visitare quest’isola con questo tour. Io ho girato Kvaloja in automobile ed è un on the road meraviglioso, lungo circa tre ore. Vi sono punti panoramici spettacolari, come quelli di Ersfjordbotn e quello di Sommaroya.

Oltre a questo on the road, tra le altre attività di Tromso spiccano la ciaspolata, l’avvistamento delle balene (nella stagione invernale soprattutto),la crociera nei fiordi e la visita ad un campo di renne.

Con un’automobile, ho dormito a Kvaloyvagen: la strada per arrivarci è molto bella e vi sono delle renne nove chilometri prima di raggiungere Kvaloyvagen!

 

Oltre a cosa vedere a Tromso potrebbero anche interessarti …

 

Le Lofoten in inverno

Itinerario alle Lofoten e Senja d’estate

I fiordi norvegesi!

La Norvegia meridionale: un viaggio da Bergen a Stavanger!

L’artico norvegese in bici!

Cosa vedere a Capo Nord!

 

INFORMAZIONI UTILI SU COSA VEDERE A TROMSO

  • La visita di Tromso merita a mio avviso una giornata: una mezza giornata è dedicata alla cattedrale e alla funicolare, la seconda metà al centro storico. Il secondo giorno, invece, è dedicato alla visita dell’isola Kvaloja, oppure a una delle escursioni sopra consigliate.

 

  • Tromso, grazie alla sua latitudine, permette di ammirare sia il sole di mezzanotte sia l’aurora boreale. D’estate il sole non tramonta mai per circa 50 giorni. In inverno, invece, il sole è sotto l’orizzonte per altrettanti giorni. In compenso, d’inverno vi è sempre luce per almeno quattro ore, anche nei giorni in cui il sole non sorge. Consiglio di vedere questo sito per conoscere gli orari (la colonna civil dice quando vi è luce in cielo). Questa luce è molto particolare: sembra che sia un crepuscolo, o un’aurora, continuo.

 

  • A Tromso è possibile tentare di ammirare l’aurora boreale da fine agosto a inizio aprile. Le temperature invernali possono scendere fino a meno quindici gradi, ma generalmente le medie si assestano attorno ai meno cinque gradi. L’aurora boreale è difficilmente prevedibile. Per avere un’idea dell’attività solare consiglio di scaricare l’app aurora forecast.

 

  • Noleggiare un’automobile è una scelta saggia, soprattutto per poter ammirare l’aurora boreale fuori città. Senza automobile, è possibile partecipare a dei tour dell’aurora boreale, come questo.

 

  • A Tromso ho dormito bene allo Smarthotel, in pieno centro. Se, però, si ha l’intenzione di visitare Tromso d’inverno consiglio vivamente di dormire fuori città, in modo tale da poter ammirare l’aurora boreale senza le luci della città. In questo caso, Maribell Sjobur a Kvaloyvagen è un’ottima scelta. Lungo la strada che collega Tromso a Kvaloyvagen, circa nove chilometri prima di giungere a destinazione, è possibile ammirare delle renne.

 

  • A Tromso ho mangiato bene a Kaia: questo luogo è famoso per i suoi burger di balena e di renna. Tra i tanti bar di Tromso, invece, consiglio Rorbua, Olhallen e Hjemmebane. La birra tipica di Tromso è la Mack: il mezzo litro di birra costa circa 11 euro in birreria. L’accoppiata burger più birra, quindi, costa circa 34 euro.

 

  • Questo è un luogo perfetto per finire un viaggio che porta alle isole Lofoten e a Capo Nord. Le Lofoten distano da Tromso circa sette ore di automobile, mentre Capo Nord è distante circa nove ore. Capo Nord è raggiungibile solo nella stagione estiva. Le Lofoten, invece, sono splendide tutto l’anno.

 

  • Tromso è ben collegata ad Oslo grazie a una decina di voli diretti al giorno. Se si calcolano bene i tempi, è possibile raggiungere Tromso dall’Italia in una sola giornata di viaggio, facendo scalo ad Oslo. L’autobus 42 collega l’aeroporto al centro città.

 

  • La seconda guerra mondiale è stata combattuta anche in queste latitudini. Una delle battaglie più famose è avvenuta a Narvik, a sole tre ore di automobile da Tromso, nel 1940. Anche a Capo Nord, nel dicembre 1943, venne combattuta una sanguinosa battaglia tra tedeschi e inglesi: i secondi ne uscirono vincitori, ma rispettarono gli sconfitti in quanto la battaglia fu cruenta e avvenne in condizioni climatiche durissime. Presso Tromso, in località Tromsdalen, venne istituito un campo di concentramento nazista, dove passarono oltre duemila prigionieri tra il 1942 e il 1945. Questo campo venne gestito da uno dei più brutali comandanti nazisti, Julius Denzer.
1

Andrea, un viaggiatore da lungo tempo con una grande passione per trekking, bici e diving! Su travelsbeer.com potrete trovare tutte le informazioni e gli itinerari di viaggio scritti da Andrea: cinque continenti e tante vette conquistate intorno al mondo!

post a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.